Disturbi Generalizzati dello Sviluppo (DGS, Autismo)

I Disturbi Generalizzati dello Sviluppo sono una categoria diagnostica che comprende un gruppo di disordini caratterizzati da una distorsione dello sviluppo di base che riguarda la comunicazione, verbale e non verbale, la capacità sociale e l’attività immaginativa. Sono compromesse oltre tutto, le funzioni psicologiche di base come l’attenzione, la percezione sensoriale, l’umore e il funzionamento intellettivo.

I sistemi che permettono di classificare questi disturbi sono:

  • l’INTERNETIONAL CLASSIFICATION OF DISEAS (ICD), pubblicata dal World Healt Organization l’edizione più recente (ICD-10,1993);
  • il DEVELOPMENTAL AND STATISTICAL MANUAL OF MENTAL DISORDERS (DSM), pubblicato dall’American Psychiatric Association ed oggi arrivato alla sua quarta edizione (DSM-IV, 1994).

Secondo la classificazione del DSM-IV all’interno dei Disturbi Generalizzati dello Sviluppo si trovano i seguenti distinti disordini:

  • Il disturbo Autistico;
  • Il disturbo di Asperger;
  • Il disturbo di Rett;
  • Il disturbo Disintegrativo dell’Infanzia;
  • Il disturbo Generalizzato dello Sviluppo non altrimenti specificato.

L’ICD-10 invece raggruppa questi disturbi sotto la dicitura di Sindromi ad Alterazione Globale dello Sviluppo Psicologico.

Oltre alle cinque sindromi elencate sopra, inserisce anche:

  • Autismo Atipico;
  • Sindrome Iperattiva Associata a Ritardo Mentale.

Fonte: www.neuropsicomotricista.it